LE CARTOLINE PER LE FESTE e...

...le immagini della festa di babbo panciuto!

Basta un colore per evocare una sensazione. Il rosso di solito è associato al fuoco, alla passione, alla forza, alla gelosia e anche alla rabbia. Ma sotto le feste dicembrine?

Avete notato come, inspiegabilmente, per tutto un mese, questo colore si trasforma in colore caldo, dolce, soave, soffice e sereno? Beh, è perchè lo associamo al panciuto babbo che, in realtà, in origine, era, pensate un po', verde! Comunque sia, aldilà di questa breve digressione, veniamo subito al punto.

In questa pagina proponiamo una serie di immagini di natale (gli alberi, il babbo panciuto, gli auguri in tutte le salse, pensieri, poesie, rime, e chi più ne ha, più ne metta..) che vi rievocheranno sicuramente dolci ricordi e sopite emozioni. E', come si dice, "roba di qualità". Immagini che potrete prendere e utilizzare a vostro piacimento, salvandole sul vostro pc. Sfondi per desktop, immagini da inviare come cartoline o semplicemente per fare gli auguri ai vostri amici, o ancora da stampare e conservare, e così via.

La lista è in continuo aggiornamento e ampliamento; cercheremo di proporvi immagini in numero sempre maggiore per garantirvi una vasta gamma e un'ampia scelta.

Tornate a trovarci, anzi, venite a trovarci spesso e aiutateci con le vostre segnalazioni e mandateci suggerimenti: segnalateci quelle più belle che troverete qua e là per la rete o inviateci direttamente le vostre all'indirizzo che trovate nella pagina contatti.

Le più belle immagini saranno pubblicate, con la vostra firma e la dedica che vorrete riservare ai vostri amici e parenti.

E allora che aspettate, cliccate sulle miniature che vedete sotto per ingrandirle, fate clic col tasto destro del mouse sull'ingrandimento che vi si aprirà e selezionate "salva con nome" per importare sul vostro computer la foto prescelta.

E allora, buona scelta e tanti, tanti, tanti auguri a tutti di Buone Feste da CartolineNatale.com!


. . . . . . . . .

. . . . . . . . .


. . . . . . . . .

. . . . . . . . .